Verona Sud, niente allargamento al parco Prusst. E la viabilità è un …

Verona Sud, niente allargamento al parco Prusst. E la viabilità è un …

Dopo la seduta ordinaria, il consiglio comunale di Verona si è riunito ieri, 22 settembre, in seduta straordinaria per affrontare una proposta di delibera e due mozioni, avanzate dal capogruppo PD Michele Bertucco.

Respinta, con 17 voti contrari e 14 favorevoli, la cosiddetta Variante Verde per la trasformazione a verde pubblico di alcune aree di proprietà comunale e allargare il parco Prusst. “Ci sembra indispensabile migliorare la qualità della vita dei cittadini di Verona Sud, andando ad aumentare il verde pubblico rispetto alla situazione attuale”, ha spiegato Bertucco. 

Da questo tema si è poi sviluppata una discussione su Verona Sud, dove tra banche e centri commerciali sono in arrivo nuovi insediamenti che già preoccupano chi nella zona ci vive e ci lavora. Il traffico rende difficoltoso anche solo attraversare la strada e per il Movimento 5 Stelle “il Ministero competente dovrebbe individuare un commissario che realizzi un piano del traffico della città di Verona, inoltre è ora che si inizi a riqualificare e convertire l’esistente invece di continuare ad edificare inutilmente, diversamente si nega la salute e la qualità di vita dei cittadini”.

“Stiamo osservando un degrado progressivo di Verona Sud – è stato detto dal Gruppo misto – nel giro di qualche anno sono aumentate le concentrazioni di stranieri, le piccole botteghe chiuderanno a causa dei centri commerciali, almeno il verde dovremmo cercare di tutelarlo”. Per Forza Italia “chi ha inaugurato il parco del Prusst ha l’unico merito di averne ridotta la metratura. Negli anni si è persa la coerenza sui provvedimenti: nel 2007 a Borgo Roma si è voluto parco San Giacomo ora carichiamo il quartiere di metri quadri commerciali limitando il verde”.

“La pianificazione urbanistica su Verona Sud – secondo Fratelli d’Italia – sta assumendo caratteristiche eccessivamente sbilanciate verso il commerciale o il direzionale, in maniera molto impattante per la vita dei cittadini, sottovalutando l’aspetto viabilistico, solo per far cassa”.

L’assessore all’urbanistica Gian Arnaldo Caleffi ha specificato che “la proposta tocca una tematica molto importante, ma non è questa la modalità idonea per ottenere un aumento del verde. Il rapporto tra abitanti e metri quadri verdi di Verona Sud dal 2011 ad oggi è aumentato e a Piano degli Interventi realizzato verrà incrementato ulteriormente, ricordo infatti la realizzazione di Parco San Giacomo, di quello del Prusst e di Santa Teresa e delle migliaia di metri quadri di parco previsti nell’ambito delle Ex Cartiere e degli Ex Magazzini generali”.

Per la mancanza del numero legale il Consiglio comunale in seduta straordinaria si è chiuso alle ore 21.24, quindi non sono state trattati gli altri argomenti previsti, Giarol Grande e Traforo delle Torricelle