Verona-Spezia «Niente tabelle non sono Boskov»

Verona-Spezia «Niente tabelle non sono Boskov»

Una strada nuova, diversa da quella precedente e, al momento, più efficace. Fabio Pecchia spiega così il recente cambio di modulo e la concretezza ritrovata dal Verona che segna un po’ meno, ma non subisce quasi più.

“Al di là dei moduli, mi interessano atteggiamento, animo e spirito”, ha spiegato il tecnico in conferenza stampa. “Abbiamo intrapreso una nuova strada che va modellata rendendola più fluida per arrivare a fare un gioco diverso”. Insomma, il Verona ha cambiato pelle e la classifica sembra incoraggiante dopo la vittoria di Trapani.

“Ora arriva lo Spezia“, prosegue Pecchia, “una squadra che ha i numeri, ma noi dobbiamo vincere. Conta solamente quello”. Senza Franco Zuculini (per lui trauma distorsivo al ginocchio destro) e, probabilmente, senza Ganz (risentimento al quadricipite destro). Contro la squadra di Di Carlo, l’Hellas avrà la possibilità di rimanere in zona promozione diretta. “Ma io non guardo gli avversari”, assicura il mister. “Non penso al tournover e non mi importa del Frosinone o della Spal. Le tabelle le faceva uno solo (Boskov, ndr) e ci azzeccava pure. io non ne sono capace”.

Al Bentegodi fischio d’inizio alle 20.30, a Nasca di Bari la direzione della partita.