TURISMO DA SEGNO PIU’ A PADOVA E BACINO TERMALE

TURISMO DA SEGNO PIU’ A PADOVA E BACINO TERMALE

IL “CLIMA” POLITICO INTERNAZIONALE FAVORISCE IL TURISMO ITALIANO.
ANCHE PADOVA E LE TERME BENEFICIANO DELLA SITUAZIONE
“That’s Amore”, cantava Dean Martin calcando su quella “m” tanto da farla diventare doppia.
E se il successo dell’estate turistica italiana è sicuramente favorito da un “clima” politico internazionale che tra terrorismo islamico, lupi solitari, squilibrati a libero servizio e tentativi di golpe sfociati in controrivoluzioni, sta facendo schizzare verso l’alto tutte le statistiche di riferimento tanto da far dire al presidente nazionale di Federalberghi Confcommercio, Bernabò Bocca, che la bella stagione del 2016 si sta per chiudere con un incremento del 9,5% dei vacanzieri e addirittura del 17,2% del giro d’affari rispetto all’anno scorso, non vi è dubbio che un fattore importante di ripresa sia dovuto al ritorno degli americani.
Un ritorno che non era affatto scontato se si considera che all’inizio dell’anno l’appello del presidente Obama ad evitare i viaggi nel Vecchio Continente aveva trattenuto i turisti a stelle e strisce che hanno sì penalizzato l’Europa, ma non l’Italia.
E a Padova?
“I dati in miglioramento per ciò che attiene agli arrivi e alle presenze in città – dichiarano all’Ascom – confermano un fenomeno che, in qualche modo, noi sperimentiamo da anni quasi mai con un’accezione positiva: si sceglie Padova per andare a Venezia, così come si opta per Verona per visitare Milano o Siena per scoprire Firenze”.

Ma se fino a ieri la scelta era dettata soprattutto da convenienze economiche e strategie dei tour operator che “gonfiavano” i numeri padovani ma con scarse ricadute sul tessuto anche commerciale cittadino, oggi le destinazioni “di vicinato” sembrano prestare il fianco anche a situazioni connesse alla sicurezza. Un po’ come dire: al richiamo delle grandi città non rinunciamo ma è meglio fare i pendolari, dato che la provincia appare di gran lunga più sicura.

Un fenomeno, quello dell’incremento delle presenze straniere che sembra premiare anche le terme.
“Dopo che i primi mesi del 2016 apparivano improntati ad una contrazione delle presenze – riferisce Emanuele Boaretto, presidente di Federalberghi Abano – Montegrotto – il proseguo della stagione sembra avere invertito la tendenza e agosto, che di norma si “apriva” dopo il 15, quest’anno pare aver ingranato la marcia giusta già nella prima settimana. Di sicuro sono in aumento i francesi e anche i russi, che da un paio d’anni avevano rarefatto la loro presenza sia per l’embargo che per il deprezzamento del rublo, sono tornati a farsi vedere”.
“E’ vero – commenta Michele Ghiraldo, presidente mandamentale dell’Ascom del bacino termale – ad Abano e Montegrotto le presenze di turisti francesi e russi sono sicuramente aumentate in questi mesi a conferma che l’appeal delle nostre terme è uno “zoccolo duro” sul quale dobbiamo investire. Di sicuro chi oggi viene ad Abano e Montegrotto lo fa anche per godere dell’ambiente circostante e delle produzioni locali”.
Tutto bene, dunque?
“Sicuramente bene – commenta in chiusura il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin – ma sul turismo bisogna investire. E l’Ascom, in questo senso e grazie a Fidimpresa Veneto Turismo è in grado di supportare concretamente le imprese che vogliono innovare le proprie strutture. Anche perché è logico auspicare che il quadro internazionale muti in meglio”.

Padova 23 agosto 2016

share with

(Ascom Padova)

Vedi anche: