Tosi, PD e terzo mandato. Santanché (FI): "Sarebbe un voto di …

Tosi, PD e terzo mandato. Santanché (FI): "Sarebbe un voto di …

Diretta ed esplicita lo è sempre stata e anche ieri, 28 marzo, lo ha confermato. La deputata di Forza Italia Daniela Santanché ad Askanews è intervenuta su un decreto legge che interessa anche le prossime elezioni amministrative veronesi. Flavio Tosi infatti non smette di sperare in un terzo mandato, che la legge al momento gli concede. Ma le leggi, si sa, possono essere cambiate e la Santanché chiede al presidente Mattarella di intervenire.

“Sono sempre più insistenti le voci che è prossimo a concretizzarsi il pagamento del PD al passaggio di fatto di Tosi e dei suoi tre senatori nelle file della maggioranza – ha dichiarato la deputata forzista – Nel prossimo decreto legge sugli enti locali sarebbe presente la possibilità del terzo mandato per i sindaci: norma ad personam per permettere a Tosi di ricandidarsi a Verona. Sarebbe un clamoroso precedente mai verificatosi in materia elettorale attraverso un decreto legge: un vero e proprio voto di scambio a cui speriamo che il presidente Mattarella non si presti”.

Lo stesso Tosi, però, ha detto che se non potrà correre come sindaco (al suo posto si potrebbe candidare la compagna e futura moglie Patrizia Bisinella) parteciperà alle elezioni come candidato per il consiglio comunale.

E attorno alla candidatura di Tosi, o comunque in quella cosiddetta area tosiana, ci potrebbero essere molte liste. Non c’è dunque solo Fare!, ma anche quell’area di Forza Italia che non si riconosce nel candidato sindaco Federico Sboarina, su cui alcune forze di centrodestre pare si siano accordate. Tra i tosiani poi c’è anche la Csu e la lista civica del consigliere comunale radicale Giorgio Pasetto “Verona si muove”, che candida tra gli altri anche lo sportivo Federico Bonifacenti. “Il nostro obiettivo – scrive Pasetto – è quello di sensibilizzare i cittadini su particolari tematiche, tra cui: diritti civili e diritti dei disabili, rispetto per l’ambiente e attenzione alla qualità della vita, anziani e fine vita”.