Tosi «insegnante» alla Summer School di Maurizio Lupi

Tosi «insegnante» alla Summer School di Maurizio Lupi

Si svolgerà il 22-23-24 luglio all’Hilton Hotel di Messina, ai Giardini Naxos, la sesta edizione della Summer School della Fondazione Costruiamo il futuro presieduta da Maurizio Lupi. Il titolo di quest’anno – «Oggi non viviamo un’epoca di cambiamento quanto un cambiamento d’epoca» – è una frase di papa Francesco che ben delinea i termini della crisi che si sta attraversando; una crisi non solo economica, ma anche esistenziale e valoriale, che mette in discussione certezze
consolidate e apre al contempo scenari tutti da esplorare sui futuri modelli di organizzazione sociale.

Ai trecento giovani che si sono iscritti – si legge in una nota – verrà proposto un percorso di formazione attraverso l’approfondimento, il confronto e la discussione – con esponenti di primo piano del mondo politico, economico e culturale – sulle principali tematiche che animano il dibattito pubblico nazionale e internazionale.

Ci sarà la costituzionalista Lorenza Violini che parlerà di riforma costituzionale; Ferdinando Adornato, Giuseppe De Rita del Censis; Luca Colombo di Facebook e l’economista Giulio Sapelli si confronteranno su «Osservare, interpretare e favorire il cambiamento»; il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini e l’arcivescovo di Monreale mons. Michele Pennisi discuteranno di giustizia; «Vivere nel 2030» è il tema di Fabio Lazzerini di Emirates, Gianni Oliosi di Bmw e Luca Pani, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco. Nella giornata di sabato 23 i giovani potranno anche dialogare, durante lo spazio prima del pranzo e della cena, con Stefano Parisi e con il sindaco di Verona Flavio Tosi.

Domenica 24 luglio alle 10.30 il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il titolare del dicastero della Famiglia Enrico Costa parleranno di «Famiglia, cura e welfare». La Summer School si concluderà con un’assemblea (inizio previsto alle ore 11) con l’intervento del ministro dell’Interno Angelino Alfano, al quale i giovani potranno porre domande su «Brexit, immigrazione, terrorismo e sicurezza. Che cosa ti è successo Europa?».