Terremoto. La politica locale s’interroga sulla sicurezza. La …

Terremoto. La politica locale s’interroga sulla sicurezza. La …

Di poco ogni giorno, continua a salire il numero delle vittime del terremoto del Centro Italia. Nella mattina di oggi, 30 agosto, sono 292 e il numero non è ancora definitivo. E mentre c’è stato il primo avvicendamento tra i vigili del fuoco veronesi e veneti accorsi la mattina dopo il sisma con i loro colleghi che sono andati a dargli il cambio, la macchina degli aiuti non si ferma, siano essi medici come la farmacia mobile o di altro tipo, grazie alla solidarietà dei veronesi. 

Solidarietà è stata manifestata da Castelnuovo del Garda che devolverà il ricavato della manifestazione Pedalando per Vigneti agli abitanti di Accumoli. 

E il mondo della politica locale s’interroga anche sulla sicurezza sismica delle strutture sanitarie venete. I consiglieri regionali tosiani Giovanna Negro, Andrea Bassi, Maurizio Conte e Stefano Casali vogliono sapere dalla giunta regionale se esiste un censimento ed una schedatura di tutte le strutture sanitarie del Veneto che permettano di avere un quadro degli interventi necessari per garantire la sicurezza dei cittadini. 

Mentre il comitato contro la Tav a Verona ha chiesto che i soldi previsti per questa grande opera siano spesi subito per i terremotati.