Salvini e il 25 aprile: «Riprendiamoci una festa che da anni si è tinta …

Salvini e il 25 aprile: «Riprendiamoci una festa che da anni si è tinta …

VERONA

Salvini e il 25 aprile: Riprendiamoci
una festa che da anni si tinta di rosso

Legittima difesa e San Marco, la Lega vuol manifestare in piazza Dante

VERONA Bandiere rosse schierate da una parte, vessilli verdi dall’altra. Con il mondo pronto a osservare se si entra in rotta di collisione. il flash che gi circola nei pensieri di tanta gente, pensando all’affollato 25 aprile che vivr quest’anno Verona: accanto allo storico calendario previsto per la giornata della Liberazione, ci sar infatti la manifestazione leghista sul tema della legittima difesa. Ma c’ anche qualcuno che consegna una cartolina pi rosea: Arriveranno molti amici leghisti e simpatizzanti anche del sud, trascorreranno qui il ponte – spiega il segretario provinciale del Carroccio Sandro Paternoster – riempiranno gli hotel, sar un’occasione di grande festa da passare insieme. La domanda per accaparrarsi piazza Dante gi stata inoltrata ieri, al Comune. Per la precisione stata protocollata alle 9,47 – rileva Paternoster – abbiamo prima verificato che quella piazza fosse libera e ne abbiamo chiesto la disponibilit dalle 8 alle 18. prevedibile che l’evento inizi verso mezzogiorno e prosegua a met pomeriggio. La risposta? Purtroppo dobbiamo aspettare la prossima giunta, fra qualche giorno.

Nel frattempo, il leader Matteo Salvini, ha confermato anche a una radio locale le sue intenzioni: Sono troppi i cittadini perbene aggrediti in questi anni – spiega -. Tabaccai, benzinai, mamme, pap, anziani che hanno avuto la forza di difendersi e poi han passato guai per anni. La scelta del 25 aprile, ribadisce Salvini, per tornare ad appropriarsi di una festa che da anni si tinta di rosso, ed stata rubata agli italiani da una parte della politica, quella delle bandiere rosse. Ma i vertici della Lega dedicano l’evento anche a San Marco e ad una terra, quella veneta, particolarmente colpita dal problema della difesa. Sar una festa della Liberazione nel senso che ci libereremo da tutto questo – aggiunge Paternoster – e io ringrazio Salvini per aver scelto la nostra citt. Questa data appartiene a tutti, dobbiamo superare le ideologie. E chi pensa sia pura campagna elettorale, sbaglia: la legittima difesa un problema immenso, dobbiamo ottenere la massima visibilit possibile su quello che una questione reale e grave. Ci saranno persone pronte a fare casino? Affari loro, i nostri eventi sono sempre stati ordinati e abbiamo sempre lasciato le nostre piazze pulite. Previsto (e sperato) l’arrivo di 10mila persone. Ricordo che un giorno di ponte, moltissimi simpatizzanti del nostro partito arriveranno da tutta Italia – spiega il segretario provinciale della Lega – e noi siamo pronti ad accoglierli. Ma non si placano le critiche. Venire a Verona per fare una parata politica sul tema della sicurezza un’ammissione di fallimento – tuona il candidato sindaco del M5S Alessandro Gennari -. Tutti i governi di destra e di centrosinistra che ha avuto la citt negli ultimi decenni hanno avuto esponenti della Lega Nord. Negli ultimi otto anni anche nei ruoli chiave della giunta. Salvini, dunque, verr a Verona il 25 aprile a dire che i suoi non sono stati in grado di dare sicurezza ai cittadini veronesi.

La decisione di Salvini ha evidente finalit provocatoria – interviene la consigliera regionale del Pd Alessandra Moretti – il 25 aprile una data dal forte ed inequivocabile significato storico riconosciuto. Spiace che Salvini continui ad usare il giusto diritto di manifestare per fini politici. La preoccupazione per le piazze scaligere multiuso, in tale data, dunque c’. Viviamo in un momento delicato per il Paese anche per quanto riguarda la tenuta democratica – prosegue Moretti -. In generale, c’ un vento, una tensione che spinge a comportamenti violenti, anti-democratici. Chi fa politica, dunque, deve avere un grande senso di responsabilit, andando oltre la voglia di racimolare qualche consenso in pi. Presumibile che dalla manifestazione leghista si occupi anche il prossimo comitato di sicurezza, vista la concomitanza con le celebrazioni del 25 aprile: se si accavallassero, potrebbero sorgere problemi di ordine pubblico. Salvini, da parte sua, in tarda serata respinge nuovamente critiche e preoccupazioni in merito ad eventuali tensioni.