RAPPORTO STATISTICO 2016: “VENETO SEMPRE PIÙ …

RAPPORTO STATISTICO 2016: “VENETO SEMPRE PIÙ …

(AVN) – Venezia, 15 luglio 2016

Il Veneto come un grande sistema urbano interconnesso, e il Veneto dai ‘capelli d’argento’ che invecchia più rapidamente delle altre regioni d’Europa. Sono i due fotogrammi che sintetizzano il Rapporto Statistico 2016, curato dal Sistema statistico della Regione Veneto e presentato oggi a Padova, al centro culturale Altinate San Gaetano, alla presenza del presidente della Regione Luca Zaia.

IL VENETO INTERCONNESSO. Al Veneto policentrico sta subentrando il Veneto metropolitano. “Il 40,3 per cento della popolazione – ha sottolineato Ilaria Bramezza, nuovo segretario generale alla programmazione – si concentra nella fascia a centrale del Veneto, tra Venezia, Treviso, Padova, Vicenza e Verona. Un agglomerato urbano multipolare che funziona a come un magnete, perché attrae quotidianamente il 26 per cento di persone in più: ogni giorno in Veneto le persone che si spostano per motivi di studio o di lavoro sono oltre 2,5 milioni”. La grande ‘città diffusa’ multipolare, interconnessa su scala internazionale e organizzata con una fitta rete di relazioni interne, sta vivendo una fase di riorganizzazione anche amministrativa, con un aumento di scala delle autonomie territoriali di riferimento, dalle camere di commercio ai consorzi, alle Province. Ma sconta anche aspetti di ‘vulnerabilità’, come pendolarismo, disagio abitativo, traffico e inquinamento dell’aria, che il Rapporto Statistico misura nei suoi chiaro-scuri.
Mobilità e infrastrutture. La ‘città diffusa’ eroga servizi, ma produce inquinamento, a causa del traffico e, soprattutto, del riscaldamento degli edifici. Anche se che dal 2005 al2010 le emissioni di particolato (Pm 10 e Pm 2,5) risultano in calo progressivo del 23-24 per cento. La ‘città diffusa’ vive di mobilità, soprattutto automobilistica (3,9 milione i veicoli in circolazione, e 3 su 4 sono autovetture), ma sconta un deficit di rete infrastrutturale, soprattutto stradale: il Veneto conta 53,6 km di asfalto ogni 100 kmq di superficie, 5 in meno della media nazionale. Superiore, invece, la dotazione di autostrade, con 3 km per 100 kmq di superficie, rispetto ai 2,2 della media nazionale. Più veicoli in circolazione significano più incidenti: nel 2014 si sono contati 14 mila incidenti sula rete viaria veneta, che hanno causato 325 morti e 19.500 feriti, con un costo sociale di 1,5 miliardi di euro. In linea, invece, con la media nazionale è la rete ferroviaria, con 6,8 km per 100 kmq, il 63% dei quali elettrificato, e il 48% a doppio binario. In aumento, inoltre, il traffico aeroportuale, che nel 2015 ha visto crescere del 5 per cento il movimento di aerei e del 3,8 per cento il numero di passeggeri in transito nei tre scali di Venezia, Treviso e Verona.. Anche i traffici portuali nel 2015 registrano una ripresa, invertendo il ciclo negativo 2008-2014. Un dato positivo al quale contribuisce il primato del Veneto nel turismo: “Con oltre 17 milioni di arrivi nel 2015, il Veneto si conferma non solo la prima regione turistica d’Italia, ma la meta più sognata al mondo – ha sottolinea Ilaria Bramezza – Complessivamente la spesa turistica in Veneto lo scorso anno ha raggiunto gli 11 miliardi e mezzo di euro”. Un valore pari all’intero bilancio della Regione Veneto.

IL VENETO INVECCHIA E SI SPOPOLA. Per la prima volta dal 1960 diminuiscono gli abitanti in Veneto. Oggi i residenti sono 4.915.123 persone, oltre 12mila in meno rispetto all’anno precedente. “È come se si fossero “persi” tre comuni di circa 4.000 abitanti l’uno (si consideri che il 50% dei comuni veneti ha meno di 4.500 residenti)”, fa notare Maria Teresa Coronella, direttrice del Sistema statistico regionale. Cala la natalità: dai 9,8 nati per mille abitanti del 2008 il Veneto scende agli 8 del 2015. E per la prima volta le ‘culle vuote’ non sono più compensato dai flussi migratori, come avveniva negli anni precedenti. L’apporto della popolazione immigrata, che conta oltre mezzo milione di ‘nuovi’ residenti’, pari al il 10,4 per cento della popolazione regionale, risulta in flessione: la fecondità delle donne immigrate, è scesa dai 2,71 figli di media nel 2008 ai 2,08 del 2014, avvicinandosi tendenzialmente alle scelte riproduttive delle donne venete (1,3 figli di media). Al costante e generale calo delle nascite, si aggiunge un aumento significativo dei decessi. Nel 2015 si è verificato un eccesso di mortalità (dovuto all’epidemia influenzale e a temperature estive particolarmente elevate) che ha riguardato soprattutto gli ultraottantenni. A questo si aggiunge l’aumento “fisiologico” dei decessi che ci si può aspettare da una popolazione che invecchia. Oggi il 22 per cento della popolazione ha più di 65 anni, nel 2060 in Veneto tre su dieci saranno anziani. Per quanto riguarda la componente migratoria, si riducono le iscrizioni in anagrafe dall’estero, mentre aumenta il numero dei veneti che se ne vanno: dal 2012 al 2014 11 mila giovani si son trasferiti all’estero. Negli ultimi sei anni il numero degli under 34 che hanno deciso di lasciare il Veneto è salito del 44 per cento.
Pensionati più poveri. Il Veneto ‘dai capelli d’argento’ pone vecchi problemi – la sostenibilità del sistema pensionistico e del welfare – e nuove sfide, come quella dell’invecchiamento attivo. Se in Veneto il sistema pensionistico appare più sostenibile che altrove, con 63 pensionati ogni 100 occupati (dati 2013) rispetto ai 72 della media nazionale e con una spesa pensionistica pari al 14,6 per cento del Pil (in questo il Veneto è terzultimo tra le regioni), tuttavia metà degli assegni pensionistici non arrivano ai mille euro al mese. Né la riforma Fornero, che ha allungato la vita lavorativa spostando in là l’età pensionabile, ha migliorato le cose: “L’assegno pensionistico di domani sarà probabilmente più modesto di quello di oggi a causa del passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo – spiega Maria Teresa Coronella – e i pensionati di domani potrebbero essere più poveri di tempo da dedicare a loro stessi dopo una vita passata a lavorare e meno sarà il tempo che potranno dedicare al loro essere nonni o alle attività di volontariato, con ripercussioni anche sociali a livello di welfare”. Nei prossimi anni, infatti, il calcolo dell’età pensionabile sarà legato all’aumento della speranza di vita alla nascita e se non dovessero intervenire ulteriori riforme, si può stimare che, dopo la pensione, rimarranno 19 anni per le donne e 16 per gli uomini.

IL VENETO CHE PRODUCE. Il Rapporto 2016 pone l’accento sui alcuni dati positivi, che segnalano la ripresa dell’economia veneta dopo anni di crisi. Il Pil è cresciuto dell’1 per cento (un po’ più della media nazionale) e dopo sette anni, finalmente, la disoccupazione giovanile segna un battuta d’arresto fermandosi al 24,7 per cento. “Il 2016 si apre con segnali positivi – rassicura la neo segretaria alla Programmazione – aumentano gli occupati e diminuiscono i disoccupati, anche per effetto del calo della componente femminile, a cui però si associa un aumento delle donne inattive”. Il bilancio occupazionale per il Veneto risulta, quindi, più roseo del resto del paese: il tasso di occupazione in Veneto è del 63,5 per cento, sette punti superiore alla media nazionale, e il tasso di disoccupazione (6,8 per cento) è poco più della metà della media nazionale (12,1%). Di segno positivo anche l’interscambio commerciale: nel 2015 il Veneto ha esportato merci per oltre 57 miliardi di euro, con un incremento del 5,3 per cento rispetto all’anno precedente. I settori che hanno contribuito di più alla crescita dell’export sono stati i prodotti ottici, i beni della manifattura di qualità che appartengono alla categoria del “buono, bello e ben fatto” e l’agroalimentare, dove il Veneto, soprattutto con i suoi vini e spumanti, si conferma leader tra tutte le regioni italiane.

IL VENETO NELLA RETE. Il Veneto appare sempre più digitale e innovativo. Il 68 per cento dei suoi abitanti utilizza regolarmente internet. E tre quarti delle 437 mila imprese venete hanno un sito aziendale, quasi la metà utilizza il commercio online. Sono percentuali superiori alla media nazionale, destinate a crescere ulteriormente, visti gli obiettivi dell’Agenza digitale per la regione: portare la banda ultralarga ad almeno l’85 per cento della popolazione entro il 2020, investendo quasi 400 milioni di euro, tra fondi nazionali e comunitari. Gli esempi di interconnessione digitale non mancano: la sanità ‘a km zero’ con ricette e prenotazioni digitali, la trasmissione dei referti via internet, il teleconsulto tra medici e, prossimamente, la possibilità di prenotare le visite specialistiche direttamente dal medico di base. Se c’è connessione, è più facile anche l’innovazione nelle aziende, come dimostrano alcuni indici confortanti: il numero delle start up innovative (380 in Veneto) è aumentato del 50 per cento nell’ultimo anno, e il tasso di innovatività nelle imprese fa del Veneto la seconda regione d’Italia. “La rete aiuta la competitività delle imprese e i processi di aggregazione”, sottolinea il Rapporto 2016, che mette sotto la lente le ‘reti di impresa’ (coinvolte oltre 800 unità produttive in Veneto) e l’esperienza dei 17 distretti industriali, che rappresentano il 16 per cento delle imprese presenti nel territorio, oltre un quinto degli occupati e il 25 per cento del fatturato estero.