Primarie del Partito Democratico, gli ultimi appelli dei candidati e domenica il voto

Primarie del Partito Democratico, gli ultimi appelli dei candidati e domenica il voto

Le elezioni Primarie Pd 2017 per il Comune di Verona si terranno domenica 2 aprile dalle 8 alle 21 nei seggi allestiti dai volontari del partito in ogni quartiere della città. Chi tra i tre candidati in lizza, Damiano Fermo, Gustavo Franchetto ed Orietta Salemi, otterrà il maggior numero di voti, sarà il candidato a Sindaco di Verona del Partito Democratico alle prossime elezioni comunali.

Possono votare tutti i cittadini residenti nel Comune di Verona che alla data delle primarie abbiano compiuto il 16° anno di età, indipendentemente che siano iscritti o meno al Partito Democratico. Per votare è necessario presentarsi al seggio muniti di documento d’identità o, nel caso dei cittadini extra Ue, di permesso di soggiorno, aderendo alla proposta politico programmatica del Partito Democratico e versando una quota di almeno 2,00 euro a titolo di contributo alle spese organizzative. L’elettore delle primarie dovrà prima consultare la sezione elettorale riportata sulla propria scheda elettorale ufficiale e poi recarsi al seggio di primarie corrispondente. Qui è possibile trovare la tabella con l’elenco completo dei seggi per ogni zona della città.

campagna salemi-2

Nel frattempo quest’oggi ad accompagnare Orietta Salemi nella chiusura della sua campagna per le primarie erano presenti tante donne e i tanti mondi che rappresentano. C’era l’imprenditoria, con Marilisa Allegrini, e l’università con Giovanna Cavazzini, professore associato a Padova, e Adriana Cavarero, professoressa dell’Università di Verona; l’associazionismo con Maria Geneth del Filo di Arianna e lo sport con la consigliera regionale della Federazione italiana triathlon Antonella Salemi. E ancora: il mondo delle professioni con l’avvocata Stefania Sartori e la psicologa clinica Antonella Elena Rossi, e quello amministrativo con Annamaria Bigon ex sindaca di Povegliano, Paola Zanolli vicesindaca di Pescantina, Elisa La Paglia consigliera comunale veronese, e la deputata Alessia Rotta. “Questa presenza tutta al femminile – ha rivendicato Orietta Salemi – riflette la trasversalità della proposta della mia candidatura a Sindaco. Oggi con me ci sono figure ‘storiche’ e profili nuovi perché per amministrare dobbiamo saper coniugare esperienza e competenza con rigenerazione e nuove idee”. Orietta Salemi ha quindi dato appuntamento ai suoi sostenitori per sabato 1 aprile alle 11.30 a Parco San Giacomo (Borgo Roma) per un ultimo brindisi prima del rush finale.

DAMIANO FERMO ridotto-2

A meno di 48 ore dall’apertura dei seggi per le primarie, anche il candidato Damiano Fermo ha voluto lanciare il suo ultimo appello a votare il cambiamento: “Siamo alle battute finali di questa sfida. Ma per me e la mia squadra non si tratta della chiusura di una campagna elettorale per le primarie, bensì dell’apertura della campagna elettorale per ridare a Verona un nuovo orizzonte. Vogliamo vincere e siamo qui per cambiare la città. Forza in politica significa essere liberi. Il mio percorso, fuori dalle correnti, senza capi bastone a cui rispondere, mi rende libero e questa libertà la userò per concentrarmi solo sul rilancio di Verona, per mettere le persone giuste al posto giusto, chi merita ai posti che merita. Forza in politica è essere uniti. Noi non escluderemo nessuno nella grande corsa verso le elezioni. Cambieremo la mentalità e il modo con cui tornare a coinvolgere le migliori teste e ascoltare i titolari dei bisogni reali: i disoccupati, gli anziani, gli sfrattati, le madri lavoratrici senza più imporre soluzioni dall’alto. Oggi servono tutta la nostra passione e determinazione”.