Pd: «Allarme mafia in Veneto» Verona al 2° posto

Pd: «Allarme mafia in Veneto» Verona al 2° posto

«Il Veneto è nella poco gratificante top ten della criminalità in Italia. I dati delle relazioni della Direzione Investigativa Antimafia, illustrati in IV Commissione, confermano che è necessario non solo non abbassare la guardia, ma passare a un’azione ben più incisiva». Così il consigliere del Pd Andrea Zanoni secondo cui «la nostra regione è al quinto posto per i reati di usura ed estorsione, al settimo per concussione, all’ottavo per i reati di riciclaggio che sono stati denunciati e al nono per quelli di estorsione.

 

Nel 2014 ci sono state decine di beni immobili e aziendali confiscati, 37 a Venezia, quindi Verona (25), Belluno (11), Padova (7) Rovigo (3), Treviso (3) e Vicenza (2) e 955 operazioni finanziarie sospette solo nel primo semestre. Per reati associativi, oltre a numerosi italiani, sono stati denunciati 22 albanesi, 45 rumeni, 54 soggetti provenienti dalle repubbliche ex sovietiche e 30 dal Nord Africa. Cifre importanti – rileva – che devono far riflettere Zaia e la sua maggioranza, che troppo a lungo hanno sottovalutato la questione delle infiltrazioni della criminalità organizzata».