«Non mettere gli 007 ma incentivare le attività ricettive»

«Non mettere gli 007 ma incentivare le attività ricettive»

Porre freni a bedbreakfast e locazioni turistiche «fantasma», che non risultano e quindi non pagano la tassa di soggiorno né altri tributi in quanto non risultano essere attività economiche? Damiano Fermo, consigliere comunale, sulla scia della «tolleranza zero» annunciata dall’Amministrazione comunale verso chi non rispetta le regole (lo ha detto il sindaco Flavio Tosi raccogliendo l’invito del presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena) non ci sta. «Lo sviluppo dell’economia della condivisione è inarrestabile», dice. «Inutile pensare di mettere freni. Airbnb», cioè il portale web con l’offerta di affittacamere, «risponde in maniera eccellente a due bisogni: risparmiare e avere un’esperienza di villeggiatura migliore. Puoi normare, imporre l’apertura partita Iva a tutti, ma la competizione con gli alberghi sarà sempre inesorabilmente a vantaggio degli affittacamere». (…)