Impressioni di Settembre

Impressioni di Settembre

image_pdfimage_print

Arriviamo nel centro storico di Soave siamo nel centro del territorio di questo vino e volgendo lo sguardo si distinguono le vigne ben allineate sulle colline. Impressioni di cura, pulizia e ordine: impressioni di Settembre.

Ci dirigiamo alla Enoteca Il Drago nel centro fortificato di Soave da cui trae origine la denominazione, un locale veramente suggestivo che fa pensare di tornare nel Medio Evo: la cucina e’ sopraffina e non a caso e’ uno dei Ristoranti riconosciuto come Luogo del Gusto da egnews.

Cominciamo pasteggiando con ostriche varietà Concava di Goro fornite dal Consorzio Pescatori di Goro.

Le abbiniamo con un Soave Classico della Cantina del Castello. Bel colore giallo dorato, profumo intenso e gusto pieno. Ordiniamo un piatto di Tagliatelle col tartufo veramente eccelse.

Con la Tagliata passiamo ad un Soave 2015 della Cantina Tamellini. Il colore e’ giallo intenso e il profumo fruttato e suadente.

Concludiamo con un Tiramisu’ imbibito con Liquore di prugna di Poli abbinato con un Recioto Le Sponde di Coffèle da Uve Garganega. Colore ambrato, gusto pieno e sentori di fichi e miele, tabacco e cioccolato. Assaggiamo alla fine il liquore Elisir di Prugna di Poli di Schiavon Veneto che distilla dal 1898. 40 gradi. Veramente gradevole e gustoso.

Nel pomeriggio  al magnifico Palazzo della Gran Guardia iniziamo la degustazione dei Soave proposti da 50 produttori.  Alterniamo i bicchieri con piattini di prosciutto, pancetta e salame del Prosciuttificio di Soave, Formaggio Piave DOP e Formaggio Monte Veronese DOP.

Terminata la piacevole via crucis degli assaggi rianiamo per la cena al Palazzo. Iniziamo con Vicentini Soave Doc di Colognola ai Colli. Antipasto con carne salata, valeriana, olio di zucca e pomodorini.Tagliatelle col tartufo in mariage con Gini Soave Classico molto profumato e pieno.

Il secondo piatto consiste in un arrosto di coniglio cotto nel Soave e contornato di verdure. Chiudiamo con una Torta Reciotina abbinata con Recioto di Soave

Franchetto13,5 gradi 2012 colore deciso, gusto veramente  rotondo, sfumature di frutta bianca evoluta, miele, fichi caramellati,    tabacco Virginia.

Il pranzo del secondo giorno al Palazzo della Gran Guardia preceduto da alcuni assaggi inizia con un antipasto all’italiana, ovverossia salumi e sottaceti abbinato con Soave Franchetto 2015 e Soave Le Albare 2015 veramente delizioso.

Il primo piatto è una lasagna con i piselli, gustosa. Il secondo piatto, roastbeef con funghi, lo abbiniamo con un Soave 2013 Rosetta di Marco Mosconi veramente di carattere con i suoi 13 gradi. Concludiamo con la Torta Reciotina e la gustiamo con il Recioto Can Signoirio, esponente della famiglia scaligera che dominava Verona, di Sandro De Bruno. Colore giallo dorato non intenso e non esagerato nel gusto. Il Recioto Soavissimus di Nardello 2011 e’ molto abboccato ma gradevole, con un colore molto delicato ma deciso.

La sera di domenica torniamo a mangiare all’Enoteca il Drago di Soave. Culatello di Soave con mostarde di mela e zucca precede Tagliatelle coi Finferli sublimi abbinate con un Soave La Capelina 2015 di Franchetto molto profumato e di buona acidità’.

Per secondo ordino Baccala’ alla vicentina guarnito con polenta fritta. Conclusione dolce con un semifreddo di cioccolata al rum. Lunedi’ ripartiamo dall’Agriturismo della Cantina Pagani che ci ha ospitato ubicato in località Costeggiola appena fuori Soave, e passando fra le colline ci rimane la stessa impressione sul vino e sul territorio. Impressioni di Settembre.
Umberto Faedi