Il mondo spegne la luce (il 19 marzo): anche Marco Mengoni e …

Il mondo spegne la luce (il 19 marzo): anche Marco Mengoni e …

Il mondo spegne la luce (il 19 marzo): anche Marco Mengoni e Fedez per 'L'Ora della Terra'

Luci pronte a spegnersi simbolicamente per un’ora, in tutto il mondo, dalle 20:30 alle 21:30 del 19 marzo: si comincia dalle isole del Pacifico per compiere in 24 ore una ‘ola di buio’ fino alle coste atlantiche. Torna ‘L’Ora della Terra’ che si potrà seguire e condividere sui social con #oradellaterra.

In Italia, appuntamento centrale a Roma.
Per restare nel nostro Paese, Marco Mengoni conferma il sostegno alla campagna con il messaggio “Earth Hour 2016, la Terra sono io, unisciti a me su www.oradellaterra.org“. Anche Fedez tra i testimonial e a sostenere l’iniziativa ci sono Neri Marcorè, Nicolò Fabi, Vittorio Brumotti, Lisa Casali. (Dal rap al rugby, tutti testimonial per l’Ora della Terra – guarda le foto)



E se l’appuntamento globale nel 2015 ha spento la luce in 7mila città e oltre 170 Paesi e regioni del mondo, coinvolgendo oltre 2 miliardi di persone e centinaia di imprese, quest’anno la decima edizione sarà da record: aderiranno infatti ben 366 luoghi o monumenti simbolo in 178 Paesi, tra cui l’Empire State Building di New York, l’Opera House di Sidney, la Tour Eiffel a Parigi, il Marina Bay Sands a Singapore (il terzo casinò al mondo formato da tre grattacieli sormontati dallo Sky Park lungo 340 metri a forma di nave), il Kourou Space Centre nella Guyana francese (sede del principale centro di lancio europeo di missili spaziali) e Taipei 101, il quinto grattacielo più alto del mondo.

Oltre 90 dei 178 Paesi partecipanti andranno oltre il semplice spegnimento mettendo in campo iniziative concrete di riduzione degli impatti e dei consumi.

In Italia hanno aderito finora oltre 100 monumenti e 200 luoghi tra comuni e palazzi storici dal nord al sud: Maschio Angioino, Castel dell’Ovo e piazza del Municipio a Napoli, scalinata del Pincio a Bologna, Castello Sforzesco a Milano. Una chicca tra gli spegnimenti simbolo avverrà nel Comune di Monte Isola, minuscola isoletta al centro del lago di Iseo, dove quest’anno verrà aperto il ponte galleggiante di Christo, monumento di land art di eco internazionale, un ponte che legherà idealmente terra e acqua. Si spegneranno le luci del Palazzo del Turismo.

A Parma spengono le luci il Battistero e il Palazzo del Governatore; a Bologna la scalinata del Pincio Palazzo vecchio, Ponte Vecchio, Cupola del Duomo, Davide San Miniato, Palazzo medici Riccardi, Palazzo Socrate Strozzi, la facciata della Stazione di Santa Maria Novella a Firenze, Piazza del Campo a Siena e Pisa con Piazza dei Miracoli. Anche nella città ‘simbolo’ dei cambiamenti climatici, Venezia, si spegne Piazza San Marco mentre a Verona l’Arena, a Padova Piazza dei Signori, Piazza della Frutta, Piazza delle Erbe e la Facciata di Palazzo Moroni.

In Abruzzo aderisce il Parco Nazionale della Majella, che spegne le luci della propria sede di Sulmona mentre si spegnerà tutto il centro storico di Vasto. In Molise sono ben 43 i comuni che aderiscono tra cui Campobasso (spegne il Municipio) e Isernia (Fontana Fraterna). In Sicilia aderiscono Palermo, che spegnerà le luci del teatro Massimo, e Catania (Piazza e Palazzo dell’Università).

Anche le Oasi Wwf si mobilitano per Earth Hour. Appuntamenti speciali, con cene a lume di candela e passeggiate notturne nelle Oasi di Bosco Vanzago (Milano), Valmanera (Asti), Alviano (Terni), Macchiagrande (Roma), Monte Arcosu (Cagliari), Orbetello (Grosseto), Bosco San Silvestro (Caserta) e Le Cesine (Lecce) dove i visitatori potranno “toccare con mano” le energie rinnovabili visto che nella masseria Cesine è attivo un impianto di geotermia.

L’appuntamento italiano ha il patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati e il contributo dei Comuni è garantito grazie alla partnership con l’Anci. Per il secondo anno consecutivo la Marina Militare si unirà nel simbolico gesto dello “spegnere le luci” contribuendo al progetto di sensibilizzare il mondo ai problemi legati al riscaldamento climatico

Scende in campo anche il mondo dello sport: l’invito a diventare ‘campioni del clima’ arriva dalla Federazione Italiana Rugby e dalla Nazionale Azzurra. Adesione anche dal mondo del calcio con tutte le squadre della Lega B attraverso B Solidale, con i capitani che indosseranno le fasce verdi al braccio durante la gara, e del basket con Lega Basket. Qui sempre i capitani vestiranno le maglie verdi durante il riscaldamento e verrà letto un messaggio prima dell’inno mentre sui led apparirà un messaggio a sostegno di Earth Hour.

La novità di quest’anno è la collaborazione con Altromercato per combattere il cambiamento climatico attraverso le buone abitudini. Con la maggiore organizzazione di Commercio Equo e Solidale in Italia e tra le principali a livello internazionale, il Wwf invita a organizzare la più grande cena sostenibile e solidale a lume di candela.

Si potrà quindi partecipare alle cene sostenibili organizzate da Wwf e Altromercato su tutto il territorio nazionale. La più grande si svolgerà a Milano nell’ambito della Fiera Fa’ la cosa giusta, di cui Altromercato è partner: tutta la fiera festeggerà quindi l’Earth Hour, spegnendo le luci e proponendo piatti equosolidali e sostenibili, studiati apposta per l’occasione.

Ma si potrà anche organizzare la propria cena di Earth Hour, seguendo speciali consigli e suggerimenti per un’alimentazione a basso impatto ambientale. Tutti possono aderire e trovare informazioni sull’evento più vicino a loro sulla piattaforma digitale wwf.it/unaltrovivere oppure Altromercato.it/earth-hour.

Earth Hour 2016 viaggerà anche sui principali social network. Le persone potranno “spegnere” simbolicamente i loro profili Facebook su www.changeclimatechange.org unendosi in questo modo alla community già molto attiva di cyberattivisti.

Dalle 20:30 di sabato seguendo l’hashtag #oradellaterra su Twitter, Facebook e Instagram tutti potranno partecipare pubblicando foto degli spegnimenti e guardando le gallery aggiornate in diretta dei principali eventi in Italia. Gli scatti migliori provenienti dalla rete saranno poi pubblicati sul sito ‘Ora della Terra’ a partire da lunedì 21 marzo.

Anche quest’anno aderiscono ad Earth Hour alcuni importanti partner Wwf, aziende che da tempo hanno scelto di essere al fianco dell’associazione portando avanti programmi per la riduzione degli impatti e sostenendo i progetti di conservazione: Wind, Auchan e Gallerie Commerciali, Eurojersey, Gruppo Gianasso – I Provenzali, Mutti, ODS Toys, Save the Duck, Sofidel e UniCredit partecipano all’evento attraverso spegnimenti simbolici e iniziative di sensibilizzazione. In collaborazione con il Wwf, Sky in cinque Paesi europei dedica una programmazione speciale all’Earth Hour.