Elezioni provinciali, scheda sbagliata Si rivoterà domenica – Città – L …

Elezioni provinciali, scheda sbagliata Si rivoterà domenica – Città – L …

Caos alle elezioni provinciali. Questa mattina, durante le operazioni di spoglio delle schede, si è appreso che, per un errore, sarebbe stata consegnata a un consigliere del Comune di Verona una scheda non corrispondente a quella prevista per il Comune stesso. Ciò comporta – ma le operazioni sono ancora in corso di accertamento – che si dovrà tornare a votare per il Comune di Verona e di un altro gruppo di Comuni della fascia di popolazione residente tra i 10mila e i 15mila abitanti.

L’ufficio elettorale, allestito nella sede di via delle Franceschine, ha riscontrato che durante le operazioni di voto al seggio 1 per errore è stata consegnata un errore di colore grigio (comuni con popolazione superiore a 5.000 e fino a 10.000 abitanti) anziché una scheda di colore giallo (popolazione superiore a 250.000 abitanti e fino a 500.000; fascia in cui rientra Verona) a un elettore consigliere del comune di Verona. Quindi stamattina i delegati delle tre liste, avvertiti dell’errore, «in considerazione della potenziale incidenza dello stesso sull’esito del voto», come informa una nota della Provincia, «hanno formulato istanza alla commissione elettorale di sospensione dello scrutinio e di sollecita ripetizione delle operazioni di voto limitatamente agli elettori dei comuni di fascia grigia (Albaredo d’Adige, Cavaion, Gazzo, Illasi, Oppeano, Peschiera del Garda, San Giovanni Ilarione, Vigasio, Villa Bartolomea) e gialla (Verona).

La commissione elettorale ha condiviso la soluzione proposta, sottoponendola al presidente Antonio Pastorello, che l’ha accolta. Si andrà dunque a votare nuovamente, soltanto per i comuni interessati, domenica prossima (15 gennaio) dalle 8 alle 20, nella sede provinciale di via delle Franceschine. Gli elettori consiglieri aventi diritto al voto domenica sono 140, di cui 37 del Comune di Verona. 

 

Ieri, domenica, si era votato per l’elezione dei 16 consiglieri provinciali. Si tratta di elezioni indirette: chiamati alle urne ed eleggibili erano soltanto i sindaci e i consiglieri comunali del 98 Comuni veronesi.

L’affluenza al voto era stata dell’86,5 per cento.  

 

Nel video, le interviste a Massimo Giorgetti (coordinatore provinciale di Forza Italia), Ciro Maschio (coordinatore per il Veneto di Fratelli d’Italia), Alessio Albertini (segretario provinciale del Pd), Fabio Venturi (coordinatore nazionale di Fare!), e Paolo Paternoster (Isegretario provinciale Lega Nord).