Croce: "Il Museo di Storia Naturale a Castel San Pietro non ha senso"

Croce: "Il Museo di Storia Naturale a Castel San Pietro non ha senso"

Michele Croce, candidato sindaco per il movimento Verona Pulita, interviene sul progetto di traslocare il Museo di Storia Naturale a Castel San Pietro: “Non si può intervenire sul Museo di Storia Naturale con una sparata in puro stile tosiano. Si deve necessariamente parlare di un articolato piano museale che preveda una perfetta integrazione con i flussi turistici e non una frammentazione del patrimonio di cui la città dispone. Verona Pulita, sposando la posizione del Comitato Arsenale, propone di unificare le due sedi del Museo di Storia Naturale, ampliando e razionalizzando così l’attuale disponibilità di spazi e ha già individuato nel complesso Arsenale – Ponte Scaligero – Castelvecchio la destinazione ideale per la realizzazione di un polo museale unico che raduni i vari musei di Verona, facendo dell’intera area un vero e proprio centro culturale polivalente. Un Museo Omnibus di rilevanza mondiale quanto ad importanza ed ampiezza delle collezioni e a maestosità degli spazi”.

“Il Comitato Arsenale – specifica ulteriormente l’Avv Michele Croce – ha già inviato al Governo, nell’ambito del Piano Turismo e Cultura, varato dal CIPE, la propria proposta di restauro e riutilizzo dell’Arsenale e stima un costo di circa 40 milioni di euro, e ha giustamente puntato ai finanziamenti del CIPE, ma come Verona Pulita abbiamo individuato come ‘raggiungibili’ anche i fondi previsti e stanziati dall’Ue nell’ambito del settore turistico all’Interno del Multy Annual Financial Framework per il periodo 2014-2020. Il nuovo Polo Museale-Culturale dell’Arsenale, come giustamente sostiene il Comitato, dilaterebbe i percorsi programmabili a Verona diverrebbe un importante e ulteriore volano dell’economia turistica della città”.