Bonifica Trimelone

Bonifica Trimelone

È stato completato dai palombari della Marina Militare il 50% della bonifica degli ordigni esplosivi rinvenuti nei fondali dell’Isola di Trimelone sul Garda. Le operazioni, svolte dai palombari del Gruppo Operativo Subacquei dislocati presso il Nucleo Sdai di Ancona (Sminamento difesa antimezzi insidiosi), hanno finora portato ad individuare e rimuovere circa 200 ordigni esplosivi, quali proiettili di medio e grosso calibro, bombe di vario genere, spolette e detonatori.

In particolare, è stata rinvenuta una cassa che conteneva mille detonatori, manufatti esplosivi molto sensibili utilizzati per innescare le cariche principali degli ordigni, la cui stabilità era compromessa dal degradato stato di conservazione. Nella seconda metà del mese di maggio inizieranno le attività subacquee che consentiranno di completare il mandato ricevuto dalla prefettura di Verona. I punti ancora da ispezionare si trovano nel lato ovest dell’isola ma, per la tipologia e profondità del fondale, si prevede che le operazioni di bonifica siano più lunghe e complesse di quelle fino ad ora condotte.