Arena Verona: una Spa per gestire la Fondazione

Arena Verona: una Spa per gestire la Fondazione

Una proposta di gestione della lirica dell’Arena di Verona fondata sulla costituzione di una nuova società di capitali, Arena Lirica Spa, che abbia la regia di un soggetto partecipato da soci pubblici, che potrebbe essere la Fiera di Verona, e aperta agli attuali soci e a sponsor e mecenati che vorranno investire in un patrimonio culturale ad alta visibilità. Se ne è discusso oggi nel corso di un incontro che ha coinvolto tutti i principali soggetti istituzionali e privati che hanno finanziato in passato la fondazione come soci o sponsor. La nuova società, nella tipologia di Spa benefit, recentemente introdotta nel nostro ordinamento come realtà che può proporsi di realizzare scopi di lucro e al contempo scopi benefici per la collettività, gestirebbe la stagione estiva in Arena per almeno un triennio e comunque fino alla già prevista trasformazione in Fondazione entro e non oltre il 2022.

L’obiettivo – spiega una nota – è rilanciare le sorti del “festival areniano“, passato dai 570 mila spettatori del 2000 ai circa 380 mila del 2016 e oggi commissariato in attesa di approvazione dell’adesione alla legge Bray. Il progetto – prosegue il comunicato – mira a promuovere una gestione strettamente manageriale del festival lirico unitamente al rinnovamento del cartellone artistico che tenga in maggiore considerazione una visione internazionale, coerentemente con la vocazione crescente della città di Verona. Alla nuova realtà finanziaria parteciperebbero i soci fondatori, figure istituzionali, mecenati, fondi di investimento e potrebbe prevedere un azionariato aperto. Arena Lirica Spa potrebbe così valorizzare gli asset della Fondazione, a cominciare dal marchio, per garantirle un ritorno finanziario a copertura del debito attuale. La regia e il controllo operativo resterebbe, però, a un soggetto di garanzia strettamente legato alla città.

PrintFriendly and PDFStampa e PDF